6 commenti su “Cosa resterà di questo 2011 ?

  1. la fine del berlusconismo apre la consueta strada al capitalismo finanziario delle grandi banche e agenzie di rating .Peggio del nanetto malefico e imbarazzante.
    L’anno si è chiuso con la dipartita di un prete di quelli che mi rammentano il perchè io non li possa sopportare e di un leader a uso e consumo dei democretini in quel di Praga.Ottime notizie direi.
    Cinema e musica,continuo a recuperare i film della memoria e quelli fuori catalogo,non comprendo le nuove correnti del cinema di massa ,quindi mi rifaccio sul vecchio.Lo stesso per la musica,ormai vetrina da macellazione televisiva.Non dico che non si facciano cose buone,ma la musica è morta da un po’.Ditemi una canzone o un gruppo memorabile anche tra 30 anni.
    Mi piace fare il giornalaio,anche se come mestiere è la classe proletaria dei negozianti,ma si rimane vicino al pueblo,si discute,insomma è davvero un ottimo mestiere.
    Continuo a documentarmi,informarmi,leggere di politica,perchè è una cosa bellissima e non do credito agli antipartitici e anti politici,tanto in italia indignarsi è lo sport che precede la serata al bar per l’happy hour.
    Insomma io resisto,alla cazzo di cane chiaramente,ma ho ben chiara la mia strada e non la cambio
    sono un testone brianzalotto!^_^

    ps:viaggi?Solo a canazei.Amo la montagna!

  2. Per noi genovesi il 2011 non è stato certo un buon anno, purtroppo. Per il resto, difficile pensare ad un nuovo Governo Berlusconi, però l’uomo è ancora capace di incidere sulla pubblica opinione e lanciare un suo delfino al Governo. La guardia va tenuta alta.

    Cinema: siamo sostanzialmente d’accordo sulle cose migliori del 2011. Anche io, come chi ha scritto prima di me, sto recuperando tante meraviglie del passato. Esattamente come sto facendo con la musica. Per Natale mi è stato regalato un triplo CD con i brani jazz tratti dai film di Woody Allen… non ti dico la goduria… 🙂

  3. nel complesso non posso lamentarmi dai: l’esperienza lavorativa / studiosa di Bologna non è stata male, anzi molto formativa, e ho fatto nel finale dell’anno un bel viaggietto di cui serberò sempre un grande ricordo. Calcisticamente, ho goduto come un ciuccio (forza Napoli!), e poi è stato l’anno della caduta di Belrusconi, che vuoi di più? A parte gli scherzi, speriamo che questa crisi possa risolversi nel 2012, nella speranza che si tratti di un anno più sereno e facile per tutti.

  4. Monsieur : speriamo davvero che questa crisi finisca, anche se, per adesso, non ci sono assolutamente segnali incoraggianti. C’è anche da dire che prima o poi finirà, come ciclicamente accade sempre nel nostro sistema, però potrebbe essere la volta buona in cui facciamo una riflessione sui consumi, su questo modello produttivo, sui costi della politica (abnormi) e sul sottobosco gestito dalla politica (ancora più abnorme !).

    A proposito di calcio e viaggi, devi assolutamente venire mio ospite a Genoa-Napoli, così contraccambio il ciceronaggio turistico-artistico-alimentare di agosto !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...