15 commenti su “Romanzo di una strage

  1. hai voglia ,su quel periodo mi sono documentato moltissimo e molto ho appreso dai compagni durante la mia militanza nel prc e nel pcl,ora purtroppo sono a zonzo cerco un partito stalinista come si deve ma non lo vedo.

    Ho moltissimi dubbi su questo film perchè non mi fido molto del regista e degli sceneggiatori,decisamente democretini visto le opere precedenti.Non mi fido nemmeno dello spunto preso,un libro uscito anni fa dove si parlava di colpa degli anarchici + fascisti e di un sosia di valpreda.
    Tuttavia visto che i ragazzi di oggi conoscono le migliori marche di i pad,ma non sanno un cazzo della loro storia,anche una roba così potrebbe andare bene.
    Prima di morire Calabresi stava investigando su un traffico di armi che venivano dalla jugoslavia per i gruppi della destra estremista,questo lo puoi leggere anche su alcuni libri che prendono spunto dai documenti dei servizi segreti.Mi sa che in italia, i rebeldi dell’estrema sinistra han sempre fatto la figura degli utili idioti.Poco preparati politicamente,molto spontaneisti,adatti per prendersi le colpe.Ti consiglio di cercare qualcosa sul Noto Servizio,guarda in rete sotto il nome Aldo Giannuli,e sulla figura di Federico Umberto D’Amato del U.a.r.

  2. bene, sono lieto di leggere una recensione così posivita: andrò senza dubbio a vederlo.

    piccolo inciso sui passaggi oscuri: senza nulla togliere ai tuoi amici, credo che la mancanza sia soprattutto loro. ovviamente non per loro (esclusiva) responsabilità, ma soprattutto perchè in Italia la storia recente è spiegata malissimo sia a scuola che nei media.

  3. Luigi : a dire il vero è un attore abbastanza completo, penso che abbia fatto più parti drammatiche però.

    Red : la storia è spiegata male e per non creare polemiche e nessun tipo di problema è parecchio difficile andare oltre la seconda guerra mondiale. Periodo ormai lontano 70 anni…

    Viga : mi pare un film realizzato con cura, non voglio fare spoiler per chi non l’ha ancora visto, ma di quell’indagine finale si accenna. Non mi hanno convinto alcune cose qua e là, però un lavoro interessante per il cinema italiano.

    Francesco : il rischio è concreto. Se lo vedi fammi sapere che ne pensi !

  4. No, ma quale polemica: grazie per la precisazione specifica sul film. E ovviamente concordo con te sulla spiegazione di questi temi: soprattutto a scuola sono totalmente carenti!

  5. ho letto parecchie critiche riguardo una presunta mancanza di veridicità storica di questo film, motivo in più per vederlo e farmene un’idea. comunque a me giordana piace molto, i cento passi è davvero uno dei migliori film italiani degli ultimi vent’anni! un saluto e buona pasqua (anche se un pò in ritardo)

  6. Io penso che l’aspetto filmico vada distinto da quello della ricostruzione dei fatti, altrimenti non stiamo parlando di una rappresentazione “artistica” ma di un documentario. Ciò che ha scatenato le polemiche è la tesi della “doppia bomba” che alcuni protagonisti della vicenda, fra cui il Giudice D’Ambrosio che ha indagato sulla morte di Pinelli, liquidano come una baggianata. Ciò detto, l’abilità di Giordana è quella di essere riuscito a restituire il clima politico di quel periodo. Un film che ha comunque un importante valore didattico, visto che – come confermi anche tu – molti giovani non hanno le idee molto chiare su alcuni degli avvenimenti più cruciali della recente storia italiana.

  7. E ti parlo di gente della mia generazione (attorno alle meta degli anni Ottanta), adesso i ragazzini del liceo sono ancora più distratti da altre cose e le università continuano a sfornare laureati senza cultura… se uno non si informa da solo gli studi accademici non fanno nulla praticamente…

  8. Io non ne sapevo nulla della vicenda (‘gnurantissimo roba da chiodi, lo so) e onestamente ho capito praticamente tutto quello che c’era da capire e che Giordana voleva comunicare. Non mi è parso così oscuro…

  9. Ciao!
    Il film l’ho visto ieri sera (dalle mie parti c’è una rassegna di cinema d’autore di 5 film con abbonamento me li vedo a 3 euro e tra questi c’è anche l’ultima fatica di Allen e Diaz) e mi è piaciuto!
    Si concordo con Rearwindow che l’obiettivo del film è quello è quello di ricreare il clima ovvero la tensione di quegli anni. Di certo non si può fare un film con la certezza di riportare i fatti così come sono andati effettivamente e quindi i veri colpevoli…..
    comunque ottimo cast! Tutti veramente bravi!
    Buona serata!

  10. Pavelo : sono d’accordo, a rifletterci con un attimo di attenzione… dev’essere stato incredibile vivere in quegli anni, pare un periodo lontanissimo invece… mia madre viveva a Milano in quel periodo e ogni tanto mi racconta alcuni aneddoti che le sono capitati, davvero un’epoca incredibile…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...